Ministero dell'Istruzione, dell'Universita e della Ricerca

03. Set. 2013

Conferenza con Giovanni Anceschi e Bruno Monguzzi. lunedì 9 settembre 2013

Lunedì 9 settembre 2013
LUNEDÌ 9 SETTEMBRE 2013 ORE 17:00
SCUOLA DI ARCHITETTURA DI SIRACUSA
CASERMA ABELA / ORTIGIA
ingresso libero

La Scuola di Architettura di Siracusa invita Giovanni Anceschi e Bruno Monguzzi, nell’ambito del progetto Cantiere Identità Visiva, a raccontare due riflessioni introspettive sui temi della grafica e della comunicazione visiva. Le lezioni dei due maestri del design grafico disvelano i caratteri dei loro progetti e le vicende più interessanti di esperienze di lavoro pluriennale.

Cantiere Identità Visiva
È un progetto di SDS di Architettura di Siracusa - Università degli Studi di Catania.


Bruno Monguzzi
Designer svizzero, nasce a Mendrisio nel 1941, frequenta il corso di grafica all’Ecole des Arts Decoratifs di Ginevra. Collabora inizialmente con lo studio di Dennis Bailey a Londra e poi con lo Studio Boggeri di Milano. Nel 1965 progetta nove padiglioni per Expo67 con Charles Gagnon and James Volkus a Montreal. Dall’inizio degli anni settanta lavora nel suo atelier di Meride, nel canton Ticino. Riceve il Premio Bodoni nel 1971, la Gold
Medal del New York Art Directors Club nel 1990, il Yusaku Kamekura Award e la Gold
Medal della Toyama Biennial nel 2000. Nel 2003 gli viene conferita la Honorary Royal Designer for Industry (della Royal Society of Arts, Londra). Tra i suoi progetti più rappresentativi si citano: l’identità visiva del Musée d’Orsay di Parigi, l’esposizione
Majakowskij Mejerchold Stanislavskij al Castello Sforzesco di Milano, ed i manifesti
per il Museo Cantonale d‘Arte in Lugano (1987-2004).

Giovanni Anceschi
Nasce a Milano nel 1939. Artista, designer, saggista e organizzatore di «cultura della multimodalità». Fino al 2011 è stato professore ordinario presso lo IUAV di Venezia e coordinatore del dottorato di ricerca in Scienze del design. Negli anni Sessanta è fra i fondatori del movimento internazionale dell’arte cinetica e programmata. Si laurea e insegna alla
Scuola di Ulm. Da più di quarant’anni insegna discipline della comunicazione
nell’università italiana. Negli anni Ottanta è protagonista della Grafica di Pubblica
utilità. È autore di numerosi libri tra i quali Monogrammi e figure, teorie e storie della
progettazione di artefatti comunicativi (La Casa Usher, 1981) e vincitore di premi
prestigiosi come il Compasso d’Oro 1998 e l’Icograda Excellence Award for
distinguished services to graphic design nel1999. Sue opere si trovano nella
collezione permanente del Museo del Novecento di Milano.

In allegato il manifesto della conferenza

Download allegato