Ministero dell'Istruzione, dell'Universita e della Ricerca

17. Dic. 2014

Solidarietà per il Prof. Latino. Chi ruba deve stare fuori da un luogo di cultura.

Solidarietà per il Prof. Latino. Chi ruba deve stare fuori da un luogo di cultura.

Ieri 16 dicembre si è verificato un episodio increscioso in un’aula dell’Accademia di via Reclusorio. Il computer del professore Gianni Latino, docente di Graphic design, è stato rubato in quei pochi minuti che sono intercorsi da quando il docente e i suoi studenti hanno lasciato l’aula (chiudendo la porta) per la pausa pranzo a quando sono rientrati. Anche il portafogli della sua cultrice è stato rubato.
Il direttore, il corpo docente, il personale amministrativo e coadiutori, e tutti gli studenti esternano la loro disapprovazione, manifestando solidarietà per quanto accaduto. È vergognoso e inaccettabile che in un luogo di formazione etica ed estetica che mira alla crescita dei discenti possano compiersi atti comportamentali di così basso profilo civile.
Al di là del danno economico e professionale non indifferente causato al prof. Latino - e che potrebbe succedere a chiunque - è un modo di pensare e agire scorretto che va arginato, e l’Accademia come alta istituzione culturale ha il dovere di tutelare chi al suo interno opera, insegna, apprende. Ed è a tal proposito che da subito verranno prese le necessarie misure di sicurezza per far sì che tali spiacevoli incidenti non si verifichino più.

Il direttore
Prof. Virgilio Piccari